sabato 7 ottobre 2017

Autoguarigione e Molecole Redox


In sintesi, gli antichi, ma anche medici come per esempio Ippocrate sostenevano che l’organismo si ammala quando viene a contatto con sostanze tossiche, comunque nocive per l’organismo, e quando ci si espone al freddo senza protezioni e ovviamente al caldo, dato che il calore aumenta i battiti del cuore con tutte le conseguenze facilmente immaginabili.

Nella medicina moderna, è ormai noto che la prima causa di malattia è lo stile di vita; diciamo poco saggio, e in particolare ai cibi manipolati sia geneticamente che chimicamente per aumentare la produzione a discapito della genuinità e della qualità. Le sostanze chimiche che ingeriamo con i cibi, non ultimo i conservanti impediscono al corpo dopo la morte di “ricongiungersi con la terra”. In altre parole non si decompongono. (Tanto per ridere, se non fosse tragico; una semi “immortalità” della materia privata della coscienza e dell’anima).

L’assurdo della medicina moderna, è di pretendere di curare organismi ammalatosi per la troppa chimica nei cibi, con farmaci prodotti chimicamente, che per stessa ammissione di chi li produce, possono essere causa di gravi danni. Pochi per esempio sono a conoscenza che ingerendo una semplice aspirina si rischia la perforazione dell’intestino, e gravi danni intestinali. O per esempio assumere antidolorifici e antinfiammatori, si rischia, di danneggiare i reni, il fegato e il cuore. Addirittura tanti farmaci mostrano i loro devastanti effetti anche a distanza di anni. Tanti altri farmaci, possono causare ictus e danneggiare gravemente la memoria. Tanto è vero che fino a poco tempo fa, le amalgama per le otturazione dei denti a base di piombo si è scoperto che danneggiavano seriamente la memoria e non solo. Dopo tanti danni causati alle persone finalmente sono state vietate. A questo va aggiunto (purtroppo) che tante malattie che diciamo fino a 50/60 anni si curavano, con la nuova farmacologia, piuttosto che curarle si preferisce tenerle sotto controllo. E faccio l’esempio, delle malattie della tiroide. Malattia che colpisce quasi il 20% della popolazione femminile mondiale. Attualmente piuttosto che curarle si preferisce controllare la malattia con l’eutirox. Un ormone che sostituisce quello prodotto dalla tiroide. Questo posso affermarlo con estrema semplicità perché esistono medici che invece di somministrare a vita l’ormone tiroideo, curano le varie patologie. Ed ometto di approfondire in modo efficace, che tale pratica di prescrivere l’ormone tiroideo a vita, (facendo in questo modo la fortuna delle case farmaceutiche) va aggiunto che con il tempo, tale ormone oltre a danneggiare gravemente il cuore, i reni e il fegato, quasi sempre la tiroide smettendo di funzionare, si rende necessario asportarla, perché si atrofizza etc. per saperne di più sul benessere del proprio organismo in generale: https://www.valdovaccaro.com/

La breve esposizione sopra è supportata dalle documentazioni allegate ai farmaci che si smerciano, con crescente facilità e va detto che troppo spesso, non sono opportunamente testati per accertare la tossicità, ma vengono testati direttamente sui pazienti. Per esempio solo ultimamente si è venuto a conoscenza che il comune farmaco tachipirina, tanto usato dalle mamme per i loro figli, oltre al consumo personale, se non usato con moderazione può essere causa di gravissimo danno renale. Insomma per far abbassare una comune febbre si rischia un danno permanente ai reni.

Le persone dovrebbero essere informate che non esistono farmaci in grado di curare le malattie, ma solo per alleviare i sintomi, altrimenti non morirebbe nessuno.

Quando l’organismo contrae una malattia, a secondo della malattia, il sistema immunitario emette una risposta, per ripristinare le giuste condizioni. Il tempo impiegato dal sistema immunitario varia dal tipo di malattia e ovviamente dalla gravità. Per fare un esempio una bronchite per risolversi del tutto impiega sui 10 giorni, a prescindere dai farmaci, che come abbiamo detto, servono solo per alleviare i sintomi dato che è il sistema immunitario che ristabilisce le giuste condizioni dell’organo colpito. Ma le persone sono convinte che sono guarite perché hanno assunto farmaci. Ci sono stati casi … tanti, di malattie ritenute incurabili come per esempio il diabete, che sono guarite solo cambiando abitudini alimentari. L’unica scienza che mantiene ciò che promette, è la chirurgia quando ovviamente l’intervento riesce perché l’organismo è in grado di reagire al trauma dell’evento in questione. (Affermare che la medicina moderna si basa su un inganno è un eufemismo, quando non ti uccide.) assurdo che possa sembrare, negli Stati Uniti i farmaci sono la prima causa di morte. http://archivio.panorama.it/mondo/Antidolorifici-la-prima-causa-di-morte-negli-Usa

A dimostrazione di quanto sopra, la ricerca sulle cellule, hanno messo in luce, che l’organismo, è in grado di curarsi da solo. Senza intervento esterno con farmaci che sono molto più pericolosi della stessa malattia che pretendono di curare. Lo studio sulle cellule, ha dimostrato che qualsiasi patologia che dovesse colpire una persona, il corpo è in grado di porvi rimedio con estrema facilità a patto che l’organismo sia privo di tossicità. (Sarà per questo che si inquina l’ambiente.) Non è un caso che le multinazionali dei farmaci sono anche le lobby più potenti al mondo. La malattia che diventa il più grande affare del mondo.

Ma se le persone si svegliano, con la scoperta delle Molecole di Segnalazione Redox le cose dovrebbero cambiare… anche se ci credo davvero poco, dato la povertà cognitiva della stragrande maggioranza della popolazione mondiale. 8I farmaci per il potere dominante sono utili anche per questo). Se l’organismo non è intossicato, sono in grado di avvisare il sistema immunitario e il dna, che si affretta a ripristinare le condizioni ottimali, risolvendo in questo modo qualsiasi stato patologico. Ma perché questo sia possibile, il corpo come accennavo sopra, deve produrre abbastanza Molecole di Segnalazione Redox per riattivare il sistema immunitario, e guarire se stesso, così come è stato progettato di fare.

Bisogna solo scoprire come il nostro corpo può guarire il proprio DNA, per ritornare allo stato di auto-guarigione per il quale è stato progettato. Con tutti i libri e gli studi che esistono sul corpo umano pensiamo di sapere tutto. Ma con l’avanzare della ricerca, il corpo umano continua a creare perplessità nei ricercatori, così come rivelano le nuove scoperte. Particolarmente sorprendente è il funzionamento interno delle cellule. Gli scienziati hanno smesso di pensare che le cellule sono solo piccole gocce di protoplasma. Grazie a microscopi ad alta tecnologia è possibile guardare più in profondità, nel vasto mondo che troviamo all'interno di ogni singola cellula. Clayton e Jansma, autori di The Source, affermano che "una singola cellula con un nucleo è l'equivalente microscopico di un'intera città industrializzata". Rivelando che questa città in miniatura contiene un proprio sistema di sicurezza ed un potente sistema di comunicazione che permette ad ogni cellula di comunicare con un trilione o più di altre cellule coetanee.

Gli scienziati da tempo conoscono le Molecole di Segnalazione Redox, ma solamente negli ultimi cinque anni i ricercatori hanno scoperto quello che fanno e di come esse siano di vitale importanza per la salute. Queste potenti molecole contribuiscono ad attivare il sistema immunitario e a far sì che le cellule ammalate vengano aiutate nella guarigione rinormalizzandosi ed inviando alle cellule sane segnali che portino al rafforzamento delle stesse. Immaginate per un momento di essere in una grande città, e di pensare cosa è necessario, per mantenere la città attiva: dalla raccolta della spazzatura alla vita delle imprese, dal sistema di trasporto al sistema di comunicazioni, ecc. Insomma, ci vogliono centinaia di migliaia di operatori per far funzionare una città. Ora, come pensate che una città come Roma possa funzionare se tutte le linee di comunicazione fossero in tilt ? Sarebbe un disastro! Il blocco delle comunicazioni porterebbe disastri in tutta la città. Bene, è esattamente ciò che accade nel nostro corpo. Abbiamo un sistema immunitario reattivo e pronto per demolire le cellule malate, ma se il sistema di comunicazione (in questo caso stiamo parlando di "Molecole di Segnalazione Redox") smette di funzionare in modo efficiente, le cellule combattenti del sistema immunitario non ricevono il messaggio per andare in aiuto delle cellule ammalate e muoiono. Una singola cellula contiene circa due metri di DNA. Se stendessimo tutti i filamenti di DNA del nostro corpo la distanza coperta sarebbe equiparata a 50 volte la distanza che intercorre dalla Terra al Sole.

Un filamento di DNA contiene le istruzioni di come costruire tutto il sistema cellulare e di quello che quest'ultimo ha bisogno per sopravvivere e funzionare. Il DNA contiene il nostro codice personale e segreto, determina la nostra predisposizione alle malattie, la nostra personalità e tutto quello che siamo. Non esiste un DNA uguale ad un altro; ogni codice DNA è “esclusivo”. Le Molecole di Segnalazione Redox prendono dal nostro codice personale DNA le istruzioni da trasmettere alle cellule, in modo che migliaia di processi per la nostra salute e guarigione possano attuarsi. Le Molecole di Segnalazione Redox lasciano che sia il nostro corpo ad attivarsi, decidendo quale siano le cellule da guarire e quali quelle da eliminare attraverso il nostro sistema immunitario. Le cellule contengono oltre venti tipi di Molecole di Segnalazione Redox, che aiutano a inviare messaggi ai componenti delle cellule stesse. Gli scienziati hanno recentemente scoperto come queste molecole siano vitali per il funzionamento efficace dei processi di guarigione del corpo. Il processo di ricostruzione delle nostre cellule avviene quotidianamente, in ogni momento della giornata. Quando, ad esempio, ci procuriamo una piccola ferita, o stiamo troppo esposti al sole, o facciamo sport all’aperto, danneggiamo alcune delle nostre cellule e le esponiamo alle tossine dell’ambiente.

Il nostro corpo è progettato per vivere sano e a lungo, per eliminare le cellule cattive e sostituirle con altre nuove e sane. A volte, però, questo processo si inverte ed anziché eliminare le cellule danneggiate, queste si riproducono, moltiplicandosi, e quindi il nostro corpo diventa un produttore di cellule cattive. Succede quando le Molecole di Segnalazione Redox funzionano male.

Affinchè le Molecole di Segnalazione Redox possano svolgere il loro compito di attivare la risposta immunitaria, il corpo deve essere privo di sostanze chimiche dannose. Perché il nostro corpo sia il più possibile privo di acidità e tossicità, bisogna seguire uno stile di vita alimentare il più genuino possibile. Per esempio eliminando il consumo di carne altamente nocivo per la salute perché saturo di sostanze chimiche nocive, e antibiotici per gonfiare i bovini per farli crescere in fretta etc. Per aiutare a decidere, a prendere coscienza che la carne è estranea alla alimentazione umana, è dimostrato dal fatto che il nostro apparato intestinale misura circa 12/14 metri, mentre quello di un carnivoro, per esempio un leone oppure una tigre, è lungo solo circa 6 metri per permettere una veloce evacuazione dato che la carne se rimane a lungo nell’intestino dopo alcune ore incomincia il processo di decomposizione con conseguente produzione di pericolose tossine in grado di intossicare il corpo e quindi produrre enorme acidità che a sua volta genera malattie ai reni, al fegato e al pancreas. Tanto è vero che l’intestino degli erbivori è lungo ben 16/18 metri, per rendere possibile una lenta e utile assimilazione di ogni elemento nutritivo, dato che il vegetale non si decompone velocemente come la carne. Inoltre, per una corretta informazione, va precisato che il reale fabbisogno di una persona di media statura, diciamo dal peso di 70 km, necessita solo 50 grammi circa di proteine, questo per significare che per una sana nutrizione dovremmo consumare il terzo delle calorie che assumiamo a livello giornaliero, per rimanere in forma e in buona salute. Tutti dovrebbero sapere che l’80% delle energie che necessita il nostro organismo per far funzionare il cervello, il cuore e altri organi importanti, le assumiamo dall’aria, e questo è l’ossigeno. Quindi resterebbe solo il fabbisogno organico che come è noto assumiamo con il cibo, quale per esempio le proteine, gli aminoacidi, le vitamine etc. E per questo è sufficiente il 20% di sostanze, che come è noto assumiamo con l’alimentazione, per mantenere in equilibrio la biologia del nostro organismo.

Andare in palestra, o farsi decine di chilometri per dimagrire o per mantenere la forma fisica è pura illusione dato che la forma fisica si conquista a tavola.

Per stare in forma e in salute, bisogna consumare un terzo dei cibi che consumiamo ogni giorno. Diversamente le rotondità, o lo stomaco dei dromedari negli uomini, che danno l’impressione di essere tutti ingravidati come le donne, continuerà a crescere.

domenica 10 settembre 2017

Corpi senza sangue


Le scoperte scientifiche raggiunte, e la ricerca di nuove tecnologie, in particolare l’I.A. permettono una analisi verosimile di come si svilupperà la società e come si “evolverà” l’immensa massa umana che ormai ha superato i 7 miliardi di anime. Purtroppo, come è noto dai più remoti tempi, a beneficiare delle conquiste e innovazioni scientifiche saranno in pochi, dato che la massa umana man mano che la scienza avanzerà, tanto di più, perderà in libertà e benessere sociale, fino a vedere trasformato il proprio corpo in androide con l’ingannevole promessa di migliorare e potenziare le proprie capacità fisiche e cognitive. (Esattamente come sta accadendo con le vaccinazioni di massa). Tanto è vero che delle innumerevoli innovazioni, conquiste scientifiche e tecnologiche alla massa arriva il surrogato, applicazioni effimere, prive di un reale benessere per le persone, ma con uno scopo ben preciso: servono esclusivamente per controllarle.

La massa vive compiendo poche e semplici azioni, dato che tutto le viene imposto dall’alto.
Come è noto, il cervello è come un qualsiasi muscolo, se non viene allenato, regredisce, fino al punto di perdere una buona percentuale delle capacità cognitive, riducendo le persone a non porsi più domande critiche sulla propria condizione, di capire il luogo dove esiste, e perché esiste; perché l’organismo che lo ospita è tanto limitato e fragile, tenuto conto che sul pianeta esistono altre specie viventi che possiedono un sistema immunitario e sensoriale di gran lungo superiore. Purtroppo su tali importanti interrogativi, solo i più consapevoli riflettono. Per esempio, può sembrare banale, ma vi siete mai chiesti dove nascono le emozioni, cosa sono, e da cosa sono governate? Quale è la sede che permette all’uomo di essere ciò che è. Per esempio, quasi tutti sono convinti di vedere con gli occhi, quanto in realtà vediamo con il cervello. Di cui, non ha la minima idea di cosa sia la luce o il buio, dato che è chiuso in una scatola.

La percezione della realtà che il cervello ci mostra, (o meglio che compone in immagine dai milioni di impulsi elettromagnetici che riceve), quali, sensazioni, stati d’animo e quant’altro percepiamo con i sensi, sono elaborati anche dai continui scambi chimici; non ultimo, i sentimenti più profondi, come la gioia e il dolore, l’attrazione fisica e mentale, e qualsiasi altro pensiero. A pensarci, sembra assurdo che ciò che proviamo a livello emotivo sia prodotto da banali scambi chimici. Ciò implica, che i contenuti elaborati dalla mente diversamente da quello che si crede non sono connessi alla vera realtà in cui siamo immersi, ma alla realtà che il cervello è in grado di elaborare sia chimicamente che elettricamente, secondo il programma genetico che controlla e traccia l’esistenza. Per intenderci, l’equivalente del BIOS di un qualsiasi computer. Oltre naturalmente a tante altre varianti, quali per esempio un cattivo stato di salute, provocato da alterazioni chimiche per i veleni che assumiamo con i cibi. Anche questi, contribuiscono a determinare i nostri comportamenti.

E’ incredibile a credersi, ma la vera realtà, la materia, compreso le tantissime frequenze elettromagnetiche intorno a noi, nessuno sa esattamente come siano realmente. Quello che il cervello ci mostra è un surrogato della realtà, che probabilmente, se dovessimo vederla come è realmente, per certi versi, proveremmo orrore.

Dunque, ciò che chiamiamo uomo in realtà, altro non è che una macchina biologica che si muove e interagisce con ciò che lo circonda in virtù delle leggi della fisica.
Secondo la scienza, l’organismo, pur considerando tutti i limiti oggettivi, se mantenuto in una condizione virtuosa dovrebbe conservarsi al meglio per molto tempo, (anche centinaia di anni) ed in virtù delle continue scoperte scientifiche quando i vari organi subiscono dei danni, per traumi, o per malattie, potrebbero essere sostituiti ripristinando le giuste condizioni.
Tenuto conto di quanto sopra, in un futuro non lontano sarà davvero possibile sconfiggere la morte. O quantomeno prolungare la vita di centinaia di anni. Se ricordo, è il sogno più ambito. Quindi non dovrebbe essere complicato convincere la massa di una possibile immortalità.

Il problema più importante da risolvere, riguarda il cervello, dato che non è sufficiente per esempio sostituirlo come si potrebbe fare con i vari organi, dato che il cervello una volta danneggiato, provoca la morte cerebrale cancellando poco dopo, ogni riferimento a ciò che eravamo.
Questo implica, che affinchè l’uomo possa davvero prolungare la vita in modo significativo, deve possedere un tipo di tecnologia in grado di clonare sinteticamente l’intero cervello, per poter trasferire la coscienza con annessi e connessi in un cervello artificiale, e ovviamente essere in grado di costruire un corpo altrettanto sintetico, con materiali che non subiscano l’usura del tempo, e in grado di autoripararsi velocemente. In altre parole l’uomo da biologico, deve diventare entità sintetica. Quindi un vero androide con innestato il proprio apparato cognitivo, fatto di ricordi e quant’altro rappresentava il suo essere. E questo non sarebbe il peggiore dei mali, dato che in qualche modo a livello cognitivo rimarrebbero almeno le tracce di ciò che si era a livello biologico.

Ma come accennato all’inizio, tale trasformazione, riguarderà la massa. O meglio un numero di entità, sufficienti a garantire ogni tipo di benessere all’elite mondiale, avendo il controllo totale sulla vita di detti umanoidi, che potrebbero essere spenti o terminati alla pressione di un semplice tasto. Una vera manna per l’elite che disporrebbe una forza lavoro, priva di diritti sociali e in più esente da ogni tipo di remunerazione; una forza lavoro che non si ribella e non è soggetta alle malattie. Che vi piaccia o meno, è la strada tracciata; la strada che percorriamo già da diversi anni, senza che la popolazione mondiale sia minimamente consapevole.

Diversamente dall’elite che continuerebbe ad esistere in un corpo biologico potenziato attraverso la manipolazione genetica, benché anche loro, sotto il controllo di entità non di questo universo.

I genetisti che studiano il DNA, all’opinione pubblica, hanno trasmesso, una piccola frazione delle reali possibilità della manipolazione genetica. Solo quel poco; più per far sapere quanto sono bravi che per informare. Dichiarando, che solo il 20% del DNA contiene tutti i parametri genetici per la costruzione della vita, classificando spazzatura il restante 80%. Ma su tale conclusione non tutti gli studiosi sono d’accordo. Un numero autorevole di accademici, tra cui scienziati russi, sostengono che quel restante 80% “scartato”, in realtà cela tutti i grandi misteri della vita con potenzialità inimmaginabili.
Altro errore è classificare il DNA distinguendo le specie di appartenenza, come se fosse diverso per ogni specie, quanto in realtà è uno e vale per tutte le specie e l’intera struttura della materia. Tanto è vero che condividiamo con i scimpanzé circa il 98% dei geni e il 95% con i vermi … senza offesa per i vermi.

Ciò significa che il DNA nella sua interezza, quindi non solo quell’20% codificato dai nostri studiosi, ma anche il restante 80% ritenuto “spazzatura”, contiene in comune i geni di tutte le specie viventi del pianeta. Le diverse specie si distinguono tra loro per il numero di geni attivati rispetto ad altri che danno origine ad una determinata specie, sia del mondo animale che vegetale. Tutto quello che serve per manipolarlo, è conoscere i giusti bottoni. Tanto è vero che i genetisti, riescono a innestare i geni di una specie in un'altra, sia del mondo vegetale che animale. Penso che almeno una volta nella vita avete ascoltato notizie che in un determinato laboratorio di ricerca si è innestato un gene animale in una pianta, oppure ortaggi per farle acquisire la capacità di non essere attaccata da certi parassiti. Ma nei laboratori, si fa molto altro che non viene divulgato, per esempio si innestano geni di animali nell’uomo e viceversa, e geni umani in certe piante e ortaggi, e ovviamente si fanno innesti opposti. Tutto quello che bisogna saper fare è accendere, o spegnere interruttori del DNA, per interrompere oppure attivare le capacità e proprietà che regolano la struttura della materia di quella particolare famiglia di geni.

Per fare un esempio, l’uomo potrebbe acquisire la capacità, di far ricrescere un braccio, allo stesso modo di come una lucertola fa ricrescere la coda, oppure una salamandra rigenerare un arto se questi è stato amputato. Oppure far ricrescere i denti allo stesso modo di come fa lo squalo se questi si rovinano o cadono. Ma questi sono solo piccolissimi espedienti rispetto alle vere potenzialità della manipolazione genetica. Per esempio attivando i giusti interruttori, l’uomo potrebbe farsi crescere le ali, oppure sviluppare lo stesso apparato respiratorio dei pesci per vivere nei fondali marini; o anche, sviluppare la visione a distanza come hanno raccontato gli astronauti durante i viaggi nello spazio, e tante altre persone sulla terra, anche se da distanze più breve. Potremmo addirittura smaterializzare il nostro corpo, per attraversare i muri, oppure viaggiare nello spazio tra le dimensioni, dato che è assurdo che una forma di vita sia confinato in uno spazio tanto ristretto quanto la terra, tenuto conto della vastità degli universi. Ogni cosa che esiste, in qualsiasi luogo e tempo, può essere raggiunta. E’ solo questione di conoscenza.

Detto questo, la domanda più importante è che fine farà l’anima? – Continuerà ad esistere nel nuovo corpo, anche se artificiale, oppure essendo l’anima, legata al DNA come alcuni studiosi credono, tra cui il noto ufologo italiano prof. Malanga, non potrà coesistere in un corpo artificiale?

Non vorrei peccare di presunzione, ma l’anima non può essere connessa al DNA, dal momento che ogni singola cellula contiene un filamento di DNA, questo implicherebbe che ogni cellula dovrebbe contenere un frammento di anima, cosa secondo me, non verosimile dato che l’anima è un entità vivente unica e non un ologramma, che pur se frammentato continua a mantenere per intero la propria immagine in ogni singolo frammento.

Le persone più sensibile ed evolute riescono a percepire la presenza dell’anima attraverso il campo magnetico del corpo e la capacità di poterlo estendere ad una certa distanza avvertendo il punto in cui il campo impatta con un ostacolo. Un altro caso in cui si avverte il campo magnetico dell’anima, è quando si subisce l’amputazione di un arto e questi continua ad essere percepito come se non fosse mai stato rimosso, oppure quando ci avviciniamo ad una persona e sentiamo una specie di scossa, o qualcosa del genere … per esempio una vibrazione, perché tra queste entità c’è affinità. Penso anche, che l’unica sede in cui l’anima può coesistere è il cervello; biologico o sintetico che sia, essendo anche l’organo che produce energia per alimentare il sistema neurale e cognitivo, e per alimentare i muscoli del corpo. Dunque, nel sistema biologico, potrebbe per esempio trovarsi al centro della ghiandola pineale essendo questa, secondo molti studiosi la sede dove si sviluppano i processi metafisici, o se preferite paranormali, e nel cervello sintetico, nel centro cognitivo. Alcuni ufologi e studiosi, ipotizzano addirittura che la ghiandola pineale, sia in grado di aprire portali verso altre dimensioni. Non penso ci si debba stupire di tale possibilità dal momento che lo studio sui sogni, ha dimostrato che ci sono sogni fantastici che non hanno nessun collegamento con la realtà in cui esistiamo.

I credenti, quando si riferiscono all’anima, immaginano qualcosa di molto simile ad una entità divina. In realtà, l’anima siamo noi, con tutti i limiti e i difetti. Ogni forma di vita è prima di tutto un anima. Cioè un essere vivente composto di energia allo stato puro. E di questo non ci si dovrebbe meravigliare, dato che tutto di noi si esprime attraverso l’energia. Il suono è energia, il pensiero è energia, le azioni, le scelte i sentimenti … buoni e cattivi sono energia; energia che si serve del nostro corpo per interagire con la realtà materiale. Un vero ponte da energia a materia. Espediente di cui l’anima non ha bisogno quando agisce nell’universo da cui proviene, dato che in quel luogo, ogni cosa è energia allo stato puro. Quindi agisce in modo diretto senza intermediari … e senza i limiti imposti dalla materia. Può muoversi nello spazio e nel tempo a velocità del suono, e della luce.

Dunque dove finirà l’anima di quella massa umana, trasformata in androdi ? – Riuscirà a trovare una zona nel nuovo corpo artificiale in cui poter esistere, oppure lascerà il corpo nel momento della sua trasformazione?

Io sono dell’avviso, che l’anima può essere connessa con tutti i sistemi, biologici oppure sintetici purchè dotati di consapevolezza. Ogni forma di entità in grado di pensare, di essere cosciente di sé, diventa sede dell’anima. Gli artefici, troveranno comunque il modo di attingere alla sua energia, esattamente come fanno quando l’anima è nei corpi biologici.

Potrei continuare per molto, ma mi fermo qui, chiedendovi di non essere scettici, di quanto letto fino a questo momento, dato che il tutto è già accaduto, e riaccadrà, fino a quando, non diventeremo anime consapevole capace di vero amore universale, unica magia in grado di conferirci il dono di viaggiare nel tempo e nello spazio finalmente liberi dagli orrori della materia, cui siamo vittime e carnefici, sotto il controllo di potenti anime primordiali predatrici.
Le prove sono intorno a noi. Quel sistema di dominio e sfruttamento anche se in tono minore e con diverse tecnologie e sistemi, è la vita che viviamo su questo pianeta.
Come ripeto spesso in queste occasioni, cambia la scena, ma il copione è sempre lo stesso.

mercoledì 16 agosto 2017

VACCINI - Dominio Assoluto

Il libro di Gianni Lannes


In Europa e in Italia non sono in atto epidemie o pandemie, certifica l’Organizzazione mondiale della sanità. Allora, come ha potuto il governo Gentiloni promulgare il decreto legge 73 il 7 giugno 2017 che impone a neonati, bambini e adolescenti ben 12 vaccinazioni, se non è in atto alcuna emergenza ed urgenza? In realtà, non si tratta di una campagna di vaccinazione, ma una sperimentazione di massa sulla pelle di neonati, bambini e adolescenti sani. Chi, cosa, come, quando, perché? A un giornalista si chiede di raccontare i fatti, di spiegarli con riscontri documentali, soprattutto di controllare il potere, ogni potere. Occorre cercare la verità, quella scomoda, quella che urtica, quella che obbliga al realismo. Possiamo fare qualcosa? Ho il dovere morale di sperarlo e di essere contagioso. A questo serve la cultura, a rinvigorire l’umanità: la conoscenza ci rende liberi.

L'AUTORE:

Gianni Lannes dal 1987 svolge in Italia e all'estero il mestiere del giornalista. Ha lavorato per la RAI e La7, nei settimanali L'Espresso, Panorama, Famiglia Cristiana, Io Donna, D La Repubblica delle Donne, Il Venerdì di Repubblica, Avvenire, Diario. Ha scritto inoltre per i mensili Airone, La Nuova Ecologia, Medicina Democratica, Il Gargano Nuovo. Ha collaborato ai quotidiani Il Manifesto, Liberazione, La Repubblica, L'Indipendente, L'Unità, La Stampa, Il Corriere della Sera. Ha pubblicato i seguenti titoli di inchiesta: Nato: colpito e affondato, (2009), Il Grande Fratello. Strage del dominio (2012), Terra Muta, (2013), Nato, la strage del Francesco Padre, (2014), Italia, USA e getta, (2014), La montagna profanata, (2015), Nè vivi, né morti, (2016), Bambini a perdere, (2016).

ACQUISTA LA TUA COPIA:

http://shop.nexusedizioni.it/vaccini.html

Breve intervista all’autore:

https://www.youtube.com/watch?v=8t9U4YINWJQ

Altro video: Il Lato Oscuro dei Vaccini Obbligatori

https://www.youtube.com/watch?v=uxltZpFxvVA

SOLO I CIECHI E CHI LUCRA SULLA VITA DEI BAMBINI E LE SOFFEREZNE DELLA FAMIGLIA, NON VEDONO. NEGLI USA GRAZIE ALLE VACCINAZIONI DI MASSA OGNI ... LEGGETE L'ARTICOLO E' TUTTO SARA' CHIARO:
http://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2016/02/26/autismo-colpisce-6-su-mille-nati-5-milioni-in-europa-_961e0d1c-b6c0-48f2-98ec-aec292199a5c.html

MI CHIDO SE QUALCUNO HA ANCORA DEI DUBBI SULLA RELAZIONE VACCINI E AUTISMO ... E NON SOLO.